GESUITInews
Provincia d'Italia della Compagnia di Gesù
facebookTwitterGoogle+
P. Spadaro con Papa Francesco

P. Spadaro con Papa Francesco

Info

L'”Evangelii Gaudium” commentata dai gesuiti di Civiltà Cattolica

Cultura

10 Set 2014

Oggi, 10 settembre, esce  la prima edizione commentata dell‘Evangelii Gaudium  a cura della Civiltà Cattolica,  col commento di sette gesuiti, italiani e argentini, che collaborano alla rivista.  L’esortazione apostolica, dice p. Antonio Spadaro, direttore della  rivista, “può essere tranquillamente letta senza apparati critici o lunghe spiegazioni. E’ un linguaggio molto semplice, diretto: arriva immediatamente al punto e al cuore”. L’operazione fatta dai gesuiti della Civiltà Cattolica, dunque, non intende spiegare il testo, che si comprende da sé, ma vuole accompagnare i lettori nell’esperienza della lettura. “Per questo abbiamo chiesto aiuto anche ad alcuni gesuiti argentini, nostri collaboratori, che conoscono molto bene papa Francesco, che insegnano all’Università del Salvador di San Miguel, presso Buenos Aires. E, così, abbiamo cercato di mostrare le radici di questo documento, di cogliere le sfide e le prospettive che apre, e quindi presentare questo documento da punti di vista differenti: dal punto di vista sociale, per la mistica popolare che esprime, l’importanza del dialogo, l’importanza della gioia”. I gesuiti argentini che firmano i commenti sono i padri Diego Fares, Juan Carlos Scannonne e Jorge Seibold, che danno un aiuto fondamentale per comprendere un testo nasce da “solide radici teologiche e dall’esperienza pastorale, dal contatto vivo con la gente”.

Oggi, 10 settembre, esce  la prima edizione commentata dell’Evangelii Gaudium  a cura della Civiltà Cattolica,  col commento di sette gesuiti italiani e argentini che collaborano alla rivista.  L’esortazione apostolica, dice p. Antonio Spadaro, direttore della  rivista, “può essere tranquillamente letta senza apparati critici o lunghe spiegazioni. E’ un linguaggio molto semplice, diretto: arriva immediatamente al punto e al cuore”. L’operazione fatta dai gesuiti della Civiltà Cattolica, dunque, non intende spiegare il testo, che si comprende da sé, ma vuole accompagnare i lettori nell’esperienza della lettura. “Per questo abbiamo chiesto aiuto anche ad alcuni gesuiti argentini, nostri collaboratori, che conoscono molto bene papa Francesco, che insegnano all’Università del Salvador di San Miguel, presso Buenos Aires. E, così, abbiamo cercato di mostrare le radici di questo documento, di cogliere le sfide e le prospettive che apre, e quindi presentare questo documento da punti di vista differenti: dal punto di vista sociale, per la mistica popolare che esprime, l’importanza del dialogo, l’importanza della gioia”. I gesuiti argentini che firmano i commenti sono i padri Diego Fares, Juan Carlos Scannonne e Jorge Seibold, che danno un aiuto fondamentale per comprendere un testo nasce da “solide radici teologiche e dall’esperienza pastorale, dal contatto vivo con la gente”.

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni